L’ESTRAZIONE DEI DENTI DEL GIUDIZIO, QUANDO E PERCHÉ?
L’estrazione dei denti del giudizio è necessaria quando non c’è più spazio dentario, per non creare sovraffollamento dentale e conseguente disallineamento, dolore e infezioni. E’ consigliata l’estrazione di questi denti in giovane età poiché le radici non sono ancora formate e il tessuto osseo risulta essere più morbido con minore possibilità di danneggiare i denti adiacenti.

PERCHÉ ESTRARRE I DENTI DEL GIUDIZIO?
Spesso i denti del giudizio presentano problemi di disodontiasi: i terzi molari spesso non erompono, rimanendo intrappolati nelle ossa mascellari, oppure erompono in modo scorretto. Per questo motivo i denti estrarli chirurgicamente per evitare problemi importanti successivamente.

QUANDO ESTRARRE I DENTI DEL GIUDIZIO?
I denti del giudizio erompono in bocca solitamente intorno ai 20 anni. E’ consigliata l’estrazione di questi denti in giovane età poiché le radici non sono ancora formate e il tessuto osseo risulta essere più morbido con minore possibilità di danneggiare i denti adiacenti.

COSA SUCCEDE QUANDO NON HO PIÙ SPAZIO PER I DENTI DEL GIUDIZIO?
Se il numero dei denti e le loro dimensioni non sono bilanciati con le dimensioni delle ossa mascellari i denti del Giudizio possono rimanere parzialmente inclusi, quindi in parziale comunicazione con il cavo orale o totalmente inclusi. Nel primo caso portano spesso un fenomeno infiammatorio ed edematoso chiamato pericoronarite che se non trattato può portare ad ascessi anche molto gravi.
Nel secondo caso l’estrazione dentaria si rende necessaria quando all’elemento incluso vi sia associata una cisti follicolare o una qualsivoglia anomalia o neoformazione.

PAURA DELL’ESTRAZIONE?
Presso lo Studio Dentistico Satta le estrazioni di uno o più denti del giudizio o di denti inclusi, possono essere effettuate in ansiolisi, ossia in sedazione cosciente, per ridurre al minimo l’ansia del paziente verso l’intervento dentistico.

Cerca